logoOpera Nazionale Montessorifoto gruppi

Iscrizione Newsletter



Ricevi HTML?

Home arrow Il metodo, il bambino e l'adolescente
Progetto educativo Montessori:0-3
 

 
 
 
 

La comunità infantile montessoriana prende vita da un grande principio, ideale e scientifico, che Maria Montessori ha così espresso:

“Il bambino non è debole e povero; il bambino è padre dell’umanità e della civilizzazione, è il nostro maestro anche nei riguardi della sua educazione. Questa non è una esaltazione fuori misura dell’infanzia, è una grande verità”.

L’età̀ dell’oro dell’essere umano, ha detto Maria Montessori, è quella da 0 a 3 anni, quando il bambino crea dal nulla la nostra stessa realtà: il bambino in questa fase della sua vita incarna i caratteri della nostra specie, in particolare quelli del movimento, del linguaggio, del pensiero. L’educatrice montessoriana può̀ osservare oggettivamente questo processo di costruzione perché́ è consapevole del fatto che nulla preesiste al neonato. Egli, apparso alla vita quasi inerte, dispone però di potenti e segrete forze biologiche e psicologiche e tutto acquista attraverso i suoi sforzi e i suoi esercizi. Dopo appena un anno lo osserviamo e ci rendiamo conto che ogni suo movimento, che le sue prime parole, che le sue impressioni e conoscenze del mondo - a partire da quelle del proprio corpo e da quelle che egli ha ricevuto, elaborato ed ordinato nell’ambiente circostante - ebbene tutto ciò̀ è il risultato esclusivo della sua attività̀, del suo lavoro psichico, delle sue direttive biologiche che egli rispetta ed incarna. L’educatore montessoriano non si pone perciò̀ nei confronti del bambino piccolo come maestro e pedagogo perché́ sa di non poter determinare e neppure indirizzare il processo con il quale il bambino forma e crea il suo stesso sviluppo. E non di sviluppo, ha scritto Maria Montessori, si deve parlare:

“Nel caso dell’essere umano non si tratta dunque di sviluppo, ma di creazione, la quale parte da zero. Il meraviglioso passo compiuto dal bambino è quello che lo conduce dal nulla a qualche cosa, ed è difficile per la nostra mente afferrare questa meraviglia”.
da Carta Nazionale del Nido Montessori, ed.ONM, 2003, pag.3-6
  

Per approfondire:

 - Carta nazionale del Nido Montessori, ONM , 2003, estratto pag. 1-9.

 
- "Bambini che sorprendono: liberi, pacifici, creativi …”estratto da Vita dell'infanzia. Rivista mensile dell'Opera Nazionale Montessori, luglio-agosto 2004.

   


C’è un presupposto indispensabile per realizzare una scuola autenticamente montessoriana, ed è quello della massima fiducia nell’interesse spontaneo del bambino, nel suo impulso naturale ad agire e conoscere.
Se è posto in un ambiente adatto, scientificamente organizzato e preparato, ogni bambino, seguendo il proprio disegno interiore di sviluppo e i suoi istinti-guida, accende naturalmente il proprio interesse ad apprendere, a lavorare, a costruire, a portare a termine le attività iniziate, a sperimentare le proprie forze, a misurarle e controllarle.
A questo principio l’adulto deve ispirare la sua azione e in particolare i due suoi compiti fondamentali: 

 

- saper costruire un ambiente suscitatore degli interessi che via via si manifestano e maturano nel bambino;
- evitare, con interventi inopportuni, un ruolo di disturbo allo svolgimento del lavoro, pratico e psichico, a cui ciascun bambino va dedicandosi.

   da Il progetto educativo Montessori,

 

Le indicazioni fondamentali e costitutive del modello montessoriano sono raccolte ne Il Progetto educativo Montessori . Il documento è stato elaborato da un gruppo di lavoro (appositamente costituito dall’Opera Nazionale Montessori) formato dai seguenti insegnanti montessoriani: Anna Allerhand, Elena Anselmi, Angela Arcuri, Giovanna Bittoni, Emilia Boi, Anna Maria Ceccacci (coordinatrice), Anna Maria Mininni, Maria Tesei, Barbara Tinari. La redazione del curricolo e l’adattamento del testo é a cura di Augusto Scocchera (Vice Presidente dell’Opera Nazionale Montessori e membro dell’Istituto Superiore Montessori di Ricerca e Formazione).

 


La scuola Montessori per l'adolescente


Sul tema del metodo Montessori per l’adolescenza riportiamo tre documenti frutto del gruppo di lavoro costituito nel 2007 dall’ONM:
   

    Scuola media a indirizzo Montessori
    Strumenti legislativi
    Esemplificazione di attività didattiche

Sul tema dell’adolescenza riportiamo, inoltre, alcuni articoli pubblicati sulla rivista Vita dell’infanzia. Rivista mensile dell’Opera Nazionale Montessori :

- estratto dal numero di marzo-aprile 2006 :

    "L’ambiente preparato e l’adolescente”, L. Marchioni Comel.  

- estratti dal numero di gennaio-febbraio 2007

    "The Erdkinder. I fanciulli della terra”, M. Montessori.
    "Il programma di Laren", A. Scocchera.
    "Lingue straniere à la Montessori: un’esperienza”, D. Abate.
    "Scuola e adolescenza: ripartiamo dalla Montessori”, R. Fornaca.
    "L’adolescente Montessori: antidoto all’adolescenza interminabile”,  L. Marchioni Comel

- estratti dal numero di marzo-aprile 2008

     "Sperimentazione e dibattito sull’adolescente Montessori”, L. Marchioni Comel
    "Scuole medie Montessori in Germania”, Ingeborg Muller-Hohagen,intervista a cura di Elena Dompè e Antonella Kisselat